Catalogna: indipendenza si o no? Tutto sul referendum del 9 novembre

Catalogna: indipendenza si o no? Tutto sul referendum del 9 novembre

Che cosa sta accadendo in Catalogna? Davvero diventerà uno stato indipendente? Sempre più gente, informata dai media italiani, mi fa questa domanda.

IMG_2518Il movimento indipendentista catalano viene da lontano e in questi anni, nonostante all’estero non se ne parlasse, è andato crescendo, alimentato dalla crisi e del malcontento nei confronti del governo spagnolo, considerato insensibile alle richieste, principalmente economiche e fiscali, della popolazione locale.

Nei miei quindici anni di vita barcellonese ho visto la società catalana radicalizzarsi in modo inimmaginabile. Ai balconi delle case oggi sventolano ovunque bandiere catalane o spagnole, a seconda dell’origine delle famiglie che vi abitano, gli ispettori controllano con  severità l’uso della lingua catalana nelle scuole o nelle vetrine dei negozi (sono previste multe per chi espone i cartelli non in catalano) e i discorsi della gente sono ormai monotematici: o si è pro o si è contro.

stadio barçaPersino il Barça è diventato un simbolo e, anche se vince, è ormai antipatico a chi non sostiene la causa separatista.

Gli indipendentisti vanno in piazza spesso e volentieri, l’ultima volta il 30 settembre, per protestare contro la sospensione da parte del Tribunale Costituzionale del referendum del 9 novembre, indetto dal governo catalano guidato da Artur Mas, leader del partito Convergència i Unió (CIU).

La sospensione è cautelare, Il Tribunale ha infatti accolto i ricorsi del capo del governo spagnolo Mariano Rajoy e si riserva di decidere nelle prossime settimane sulla costituzionalità del referendum. Prima della sospensione l’apparato elettorale era già stato messo in marcia e Mas, dopo le prime dichiarazioni di sfida («I catalani andranno a votare lo stesso il 9 novembre») sembra fare marcia indietro. Ieri, infatti, il portavoce del Govern catalano, Francesc Homs ha detto che se entro il 15 ottobre non ci sarà una decisione definitiva del Tribunale Costituzionale (e lo stesso Tribunale ha già riconosciuto che non ci sono i tempi tecnici per arrivare a una sentenza), il 9 novembre non ci potrà essere referendum. Parole che hanno irritato le forze politiche secessioniste alleate di Mas, che sa di trovarsi in una posizione scomoda, fra l’incudine e il martello. Le dichiarazioni si susseguono e capire cosa accadrà è davvero un rebus.

Questa la situazione politica, ma la gente della strada cosa pensa? Se il referendum si facesse, vincerebbe il sì?

indipendentistiNessuno ha la sfera di cristallo, ma la mia sensazione (corroborata da un recente sondaggio El Pais-metroscopia) è che la maggioranza silenziosa sia rappresentata dai catalani che non condividono l’estremismo separatista e che preferirebbero una negoziazione con il Governo di centrale. Gente che forse non si sente del tutto spagnola, ma che non ha nessuna difficoltà a utilizzare entrambe le lingue e a continuare a condividere con Madrid i vantaggi (e gli svantaggi) di appartenere a una grande nazione.

Gente che cerca di tenersi stretto il lavoro che ha dopo le batoste economiche di questi anni, e che intuisce che una Catalogna indipendente rischierebbe di trovarsi isolata e ancora più povera (l’agenzia di rating Fitch ha messo la Catalogna in rating watch negativo affermando che in caso di secessione il suo debito passerebbe ad essere considerato spazzatura).

Il clima di incertezza ha fatto sì che diversi imprenditori stranieri abbiano già spostato le loro sedi a Madrid e altri stiano pensando di farlo. Le multinazionali rimandano gli investimenti in attesa di tempi migliori e le banche tacciono le loro intenzioni, inquietando sempre di più i mercati.

Intanto, i movimenti antiseparatisti promuovono campagne di boicottaggio contro i prodotti catalani e persino a scuola i bambini si scontrano verbalmente sulla questione, ripetendo in classe quello che hanno ascoltato in casa dai genitori. L’aggressività verbale ha raggiunto livelli inquietanti e c’è chi vede con preoccupazione l’avvicinarsi della data proposta per il referendum ora sospeso: «Il 9 novembre me ne starò fuori città, non si sa mai» ho sentito dire da più fonti.

SitgesI molti residenti stranieri di Barcellona osservano quasi sempre con sconcerto l’acutizzarsi di un conflitto difficilmente comprensibile. Per chi è abituato a viaggiare e a considerare “casa” ogni posto in cui vive, le motivazioni sostenute dagli indipendentisti, quasi esclusivamente emotive (perché quelle economiche sono francamente poco convincenti), basate sulla lingua e sull’orgoglio delle origini, appaiono quantomeno esagerate.

Da residente con due figli nati in questa terra che amo, mi auguro che vinca il buon senso. Quella ragionevolezza che fa stare insieme le persone e le induce a lavorare per gli stessi obiettivi di pace e benessere.

I nemici che oggi minacciano davvero il futuro della nostra società, di tutte le società, sono altri e ben più insidiosi. Cambiamenti climatici, carestie, guerre, fanatismi religiosi e politici, sono i problemi che ogni governo dovrebbe affrontare senza distrazioni territoriali e con una politica onesta. Altrimenti torniamo alla città stato, o forse al quartiere-stato, vedi mai che alle zone “bene” tocchi mischiarsi con quelle più modeste… Ma il detto non era “l’unione fa la forza?”.

Se ti è piaciuto questo post, non perderti i prossimi. Clicca qui e iscriviti subito per ricevere tutti gli aggiornamenti

Potrebbero anche interessarti questi articoli:

Barcellona, la Catalogna e la voglia di indipendenza.

Il voto in Catalogna. La frenata del nazionalismo

Barcellona Smart City. E in Italia?

(Foto di copertina: www.abc.es)

3 commenti

  1. Avatar
    José Manuel Esteban Maggio 02, 2015

    Cara Signora La Daga,
    Mi piace tanto il suo blog. E’ bello quell’impegno di lei per diffendere la lettura , per mostrare la bellezza dei libri, non soltanto della letteratura, ma propio del libro stesso tra le mani. Lei trasmette il piacere delle cose belle, ma anche l’interese per lattualitá. Anche il blog é elegante e d ha un bel design, ma sopratutto sembra di esser alentato da una persona lagata al mondo, alle persone, alla sua famig.lia. Auguri per essere cosí.
    Grazie.

    • Avatar
      Patrizia La Daga Maggio 03, 2015

      Carissimo José Manuel,
      grazie di cuore per le sue belle parole. Sono così poche le persone capaci di usare il loro tempo per fare un complimento a uno sconosciuto, che quando questo accade resto sempre piacevolmente stupita. Sono felice che trovi il blog interessante, il suo messaggio mi motiva a continuare a scrivere e a cercare di fare sempre meglio.
      Sì, sono una persona curiosa del mondo e mi piace raccontarlo ai lettori, perché la vita è fatta di storie. Senza, sarebbe una gran noia.
      Grazie ancora per la sua positività, continuiamo a cercare insieme la bellezza delle cose, piccole e grandi, che circondano.
      Un caro saluto y hasta pronto.

Scrivi un commento

La tua mail non sarà pubblicata. I campi con * sono obbligatori*