Filosofia per tutti in casa Longanesi

Filosofia per tutti in casa Longanesi

Noi che abbiamo l'animo liberio_Sovra.indd

Che cos’hanno in comune Cleopatra, Shakespeare e un romanzo di avventura? La possibilità di sdoganare la filosofia dall’ambito delle materie difficili, noiose, o riservate esclusivamente agli esperti e farla entrare nella case dei lettori.

L’editore Longanesi ha intuito questa possibilità e ha deciso di puntare su due libri, che hanno nella filosofia la loro ragione d’essere.

Giulio Giorello

Giulio Giorello

Noi che abbiamo l’animo libero, il primo dei due testi, esce oggi 17 aprile ed è un saggio scritto a quattro mani da Edoardo Boncinelli e Giulio Giorello genetista il primo e filosofo della scienza il secondo.

Grazie alle differenti competenze, i due autori, attraverso l’interazione di due personaggi storici noti per le passioni esasperate, Cleopatra e Shakespeare si confrontano sui temi rilevanti dell’esistenza. Un libro ci obbliga riflettere soprattutto sul tanto discusso concetto di libertà.

Abyss, invece, è il romanzo di Simone Regazzoni, docente di estetica all’Università di Pavia, che Longanesi manderà in libreria alla fine di maggio.

La storia, che intreccia un manoscritto perduto di Platone agli obiettivi di distruzione planetaria di un gruppo neonazista, è un modo, per parlare di filosofia in modo avvincente, schivando il pericolo della noia, sempre in agguato per il lettore privo di familiarità con la materia.

regazzoni

Simone Regazzoni

La migliore dimostrazione della possibilità di rendere non solo meno ostiche, ma persino spassose le riflessioni filosofiche, è stato il brunch di presentazione organizzato in casa Longanesi domenica 13 aprile (ribattezzato #brunchsofia) in cui Giulio Giorello e Simone Regazzoni hanno dialogato con giornalisti e blogger dando vita a un confronto divertente e arricchente per tutti.

L’originale incontro ha preso il via dall’analisi di alcune coppie di personaggi, scelti dagli autori tra scrittori, filosofi, scienziati, ma anche tra nomi del cinema e dei fumetti, per rappresentare la loro idea di “animo libero”.

foto

La giovane scienziata Lisa Randall e Charles Darwin, il cinico Diogene e il razionale Spinoza, gli scrittori Herman Melville e Bertand Russel e persino Ironman e Minnie sono stati protagonisti  del curioso confronto fra filosofi che, anche grazie a un’oratoria impeccabile, hanno saputo coinvolgere e intrattenere i presenti, senza mai cedere alla tentazione “d’imbrogliare le cose chiare” per dirla con Manzoni.

Un evento riuscito e due libri da leggere ricchi di promesse.

Se ti è piaciuto questo post, non perderti i prossimi. Clicca qui e iscriviti subito per ricevere tutti gli aggiornamenti


Rating

  • 5
Risultato
Excellent 5

1 commento

Scrivi un commento

La tua mail non sarà pubblicata. I campi con * sono obbligatori*