Estate 2014: dodici libri per le vacanze

Estate 2014: dodici libri per le vacanze

Più che consigliarli, i libri, in genere amo proporli attraverso le recensioni, in cui cerco di condensare le emozioni generate dalla loro lettura. Tuttavia, specie quando si avvicina l’epoca delle vacanze estive, sono tanti gli amici e i lettori che si rivolgono a me per avere l’indicazione di un titolo adatto ai giorni di riposo, in cui mente e corpo sono più predisposti alla lettura.
In estate, sotto l’ombrellone o al fresco di una baita di montagna, c’è chi cerca l’avventura e chi il mistero, chi predilige le storie romantiche e chi invece desidera viaggiare nel tempo e nello spazio.

Sui banchi delle librerie l’offerta degli editori, grandi e piccoli, è sempre molto articolata, ho selezionato perciò dodici titoli, alcuni che ho già avuto modo di apprezzare e altri che hanno attirato la mia curiosità o di cui ho raccolto pareri positivi. Ve li propongo, augurandovi ore di piacevole lettura.

Buona estate!


Toccata e fuga di Lisa Gardner (Marcos y Marcos)
Per chi: per chi ama i thriller avvincenti, che lasciano letteralmente senza fiato. Se avete letto A chi vuoi bene sapete che Lisa Gardner non tradisce. Dal 3 luglio in libreria

Perché: perché a volte per distrarre la mente occorre tenerla incollata su storie che catturino completamente la sua attenzione. Lisa Gardner assicura brividi che fanno scordare la realtà.

 


Giorni di spasimato amore di Romana Petri (Longanesi)
Per chi: Per chi ama Napoli e le storie d’amore, per chi sa cosa significa essere stati ragazzi al tempo della guerra, per chi crede più al cuore che alla mente e conosce il dolce amaro della nostalgia.

Perché: perché Giorni di spasimato amore è un romanzo meraviglioso e raffinato, da leggere al fresco di una terrazza guardano il mare.

 


Smamma di Valentina Diana (Einaudi)
Per chi: mamme alle prese con le “paturnie” dei figli adolescenti. Smamma è una storia divertente, da leggere per affrontare le vacanze con il sorriso, nonostante le bizze dei teenager di casa.

Perché: Perché è un libro intelligente e allo stesso tempo leggero, fresco come un ghiacciolo in una giornata torrida.

 


Abyss di Simone Regazzoni (Longanesi)
Per chi: per chi ama il thriller all’americana ma con il marchio del pensatore made in Italy.

Perché: perché non è frequente trovare libri che abbinino in modo naturale giallo e filosofia, azione e pensiero.

 


La piramide di fango di Andrea Camilleri (Sellerio)
Per chi: per i fan di Camilleri ma anche per chi non ha mai letto un suo libro prima.

Perché: Il commissario Montalbano è ormai un’istituzione nel nostro Paese, almeno una volta Camilleri va letto.

 


La musica del mare di Roberto Soldatini (Nutrimenti)
Per chi: Per chi ama la musica, il mare e la vela. Il diario di viaggio di un direttore d’orchestra che ha scelto di fare della barca la propria casa.

Perché: Perché è durante la pausa estiva che spesso maturano le scelte di vita più ardite da mettere in atto al ritorno. Leggere quella di Soldatini può essere uno stimolo.

 

Matta per Manolo di Bea Buozzi (Mondadori)

Per chi: Matta per Manolo è il primo romanzo libro della trilogia Il club dei tacchi a spillo (che comprende anche Tutte Choo per terra e La vita è una Loubou meravigliosa entrambi in uscita l’8 luglio) pura commedia per chi in cerca di evasione e leggerezza sotto l’ombrellone.

Perché: perché qualche volta rilassarsi tra le parole fa bene. Vacanza non è anche questo?

 


La ricetta del vero amore di Nicolas Barreau (Feltrinelli)
Per chi: per romantici che amano stare ai fornelli e sanno conquistare le persone con il cibo.

Perché: perché l’estate è anche tempo di cene al chiaro di luna.

 


Kamchatka di Manuel Figueras (L’asino d’oro)
Per chi: Per tutti, studenti in vacanza compresi.

Perché: perché è uno dei libri più belli che ho letto quest’anno, la stagione non fa differenza.

 


La maestra dei colori di Aimee Bender (Minimum fax)
Per chi: per chi ama i racconti americani eccentrici e spesso surrealisti alla George Saunders.

Perché: Perché in vacanza la mente, rilassata, è più propensa ad accettare linguaggi originali e storie non ordinarie.

 


Il cardellino di Donna Tartt (Rizzoli)
Per chi: Per chi ama le storie di vita lunghe (oltre 900 pagine) e tormentate che hanno come scenario le grandi città americane.

Perché: ha vinto il premio Pulitzer 2014, vale la pena capirne il motivo.

 


La mia Londra di Simonetta Agnello Hornby (Giunti)

Per chi: turisti in partenza per Londra, amanti delle autobiografie e dei viaggi, lettori che vogliono scoprire luoghi e abitudine inedite della capitale inglese.

Perché: Perché Simonetta Agnello Hornby saprebbe interessare e divertire anche se parlasse dei marciapiedi di una città.
Se ti è piaciuto questo post, non perderti i prossimi. Clicca qui e iscriviti subito per ricevere tutti gli aggiornamenti

 

3 commenti

  1. Avatar
    lucia luglio 01, 2014

    Ci voleva proprio questa rassegna. Ho segnato qualche titolo. Grazie!
    A chi cerca un thriller palpitante e italianissimo, suggerisco “Uccidi il padre” di Sandrone Dazieri

    • Avatar
      Patrizia La Daga luglio 01, 2014

      Grazie, Lucia. Mi segno il libro di Dazieri, effettivamente è un autore che non tradisce. Buone vacanze e buona lettura!

Scrivi un commento

La tua mail non sarà pubblicata. I campi con * sono obbligatori*