A Palermo è di nuovo tempo di “Una marina di libri”

A Palermo è di nuovo tempo di “Una marina di libri”

Da venerdì 5 a domenica 7 giugno a Palermo va in scena la sesta edizione di Una Marina di libri, una manifestazione dedicata al mondo editoriale diventata un punto di riferimento per le case editrici indipendenti, che quest’anno saranno ben 49.

Una Marina di libri  (2)Nata da una idea del organizzata e promossa dal CCN Piazza Marina&dintorni in collaborazione con le case editrici Navarra e Sellerio, Una marina di libri oltre a rappresentare un momento di festa per tutti gli amanti della lettura si è trasformata in una piccola fiera dell’editoria in cui discutere dei temi caldi del settore: in che modo è cambiata l’editoria cartacea con l’avvento del digitale? Qual è il peso della distribuzione nell’influenzare le vendite? Quanto è importante e autorevole un premio nella vita di un libro? Twitter può diventare uno strumento per diffondere la lettura?

marinaDibattiti, reading, incontri con gli scrittori e laboratori per i bambini animeranno il festival che si sviluppa tra il chiostro, la corte, la chiesa e piazza Sant’Anna, dove quest’anno è previsto anche un corner Corner Gambero Rosso città del gusto.

Uno degli appuntamenti più attesi è l’incontro di venerdì 5 giugno alle 19.00 con Andrea Camilleri che quest’anno, accompagnato da Antonio Manzini, presenterà la nuova indagine del commissario Montalbano La giostra degli scambi.

“Siamo molto lieti di poter sostenere un evento di così alto livello culturale sia per gli editori coinvolti che per gli importanti scrittori e artisti presenti” ha detto Ignazio Frasca, Head of Private Banking Sicilia UniCredit, sponsor principale della manifestazione – La nostra partecipazione vuole anche essere un segnale concreto nei confronti del territorio e della comunità in cui operiamo”. Un buon segnale per la cultura che nel nostro Paese ha di certo bisogno di essere valorizzata attraverso investimenti concreti. All’interno della manifestazione, UniCredit sarà presente con un dibattito sul tema dell’Art Advisory.

Se ti è piaciuto questo post, non perderti i prossimi. Clicca qui e iscriviti subito per ricevere tutti gli aggiornamenti

Scrivi un commento

La tua mail non sarà pubblicata. I campi con * sono obbligatori*