“Il tempo della vita” di Marcos Giralt Torrente

“Il tempo della vita” di Marcos Giralt Torrente

 

logo_p&g_big

Gennaio 2015 

Il romanzo che inaugura il 2015, Il tempo della vita dello spagnolo Marcos Giralt Torrente, pubblicato in Italia da Elliot, è il vincitore del Premio Strega Europeo 2014. Grazie a questo eccellente biglietto da visita mi sono dedicata alla lettura con un entusiasmo che purtroppo, si è presto trasformato in cocente delusione. È sempre spiacevole stroncare un libro e la critica, naturalmente, resta una valutazione personale più che opinabile, ma non posso fare a meno di sottolineare la ripetitività del testo di Giralt Torrente. L’autore madrileno padroneggia lo stile con classe, ma non fa lo stesso con la trama. Nonostante la delicatezza del tema il libro non è riuscito a farmi versare una lacrima mentre ha saputo annoiarmi per duecento pagine. Non bastano il dolore di una perdita e le considerazioni filosofiche sul rapporto padre e figlio per fare di una storia dolorosa una storia interessante.

Patrizia&Giuditta 2VociX1Libro è una rubrica che nasce dall’incontro di due persone distanti per formazione ed esperienze di vita, ma unite da una grande passione per i libri e la letteratura. Due donne, Giuditta e io, che si sono conosciute leggendo l’una il blog dell’altra senza essersi mai incontrate di persona (ma intenzionate a farlo quanto prima), due “sentire” spesso discordanti ma sempre rispettosi e aperti al confronto. Da questa complicità è nata, tra un tweet e l’altro, l’idea della rubrica. Un luogo in cui confrontarsi su un libro diverso ogni mese in modo divertente e scanzonato, senza il rigore di una recensione, ma con l’attenzione ai dettagli. Una sorta di gioco (liberamente tratto dalle famose interviste della trasmissione “Le Iene”) che vi permetterà di conoscere nuovi romanzi e sorridere un po’.

Il tempo della vita

Marcos Giralt Torrente

Il-tempo-della-vita-Marcos-Giralt-Torrente-Elliot

Elliot

 

foto_patrizia Patrizia   twitter: @patrizialadaga giuditta Giuditta  twitter: @tempoxme_libri     www.libri.tempoxme.it
1. Dai un voto alla copertina e spiegalo
Voto: 7. L’editore Elliot ha mantenuto la stessa foto della versione originale, pubblicata in Spagna da Anagrama. L’immagine ritrae l’autore del libro da bambino con suo padre. Di certo un bel modo per onorarne la memoria. Voto: 6. Troppo facile e semplice l’immagine di copertina. Una foto dello scrittore bambino con il padre. Io sono per le scelte più studiate e meditate, che hanno un guizzo creativo. Quello che di Elliot mi piace è la nuvoletta stilizzata in rosso, con le indicazioni bibliografiche, che è il vezzo di riconoscimento della casa editrice.

2. L’incipit è…

Ingannevole perché molto più intrigante di quel che risulterà il resto della storia.

Lo stesso anno in cui mio padre si ammalò pubblicai un romanzo nel quale lo uccidevo.

 Lo stesso anno in cui mio padre si ammalò, pubblicai un romanzo nel quale lo uccidevo.

… e da subito lo scrittore mi risulta antipatico e supponente. Ahimè, la mia impressione non cambia nel proseguo delle pagine. Certo l’incipit è ad effetto, ma per me l’effetto è stato di prendere le distanze dalla voce narrante.

3. Due aggettivi per la trama

Noiosa e ripetitiva.

Eccessivamente biografica e poco empatica.

Mi sono avvicinata a questo libro con molta curiosità. Tra i candidati al Premio Strega Europeo, insieme con il vincitore “Il tempo della vita”, c’era lo straordinario “Fisica della Malinconia” di Gospodinov, un libro geniale che ho amato molto. Le mie aspettative erano altissime, invece il libro non si è dimostrato all’altezza di superare il mio preferito, e neanche di uguagliarlo, rimanendone molto molto al di sotto.

4. Due aggettivi per lo stile

Lucido e sofisticato. Ripetitivo ed elencativo.

5. La frase più bella

Tutta la seconda parte del romanzo, dedicata alle cure che il figlio riserva al padre malato, è costellata di frasi commoventi. Ne scelgo una che ben illustra che cosa significa prendersi cura con amore di una persona cara.

Da allora, senza rendermene conto, mi trasformo in suo padre. Al mattino lo aiuto a farsi la doccia. È combattivo, vuole fare tutto bene e il mio aiuto rafforza la sua determinazione. Così siamo più vicini al successo.

Del libro salverei solo le ultime pagine ed è lì che prendo la mia frase più bella, in cui il sentimento gorgoglia e si fa scrittura:

Il corpo che giaceva nel letto non era più mio padre. Mio padre era sparito, era andato in nessun luogo, quello della memoria che si arrende e sparisce.

6. La frase più brutta

Il tempo della vita è un campionario di concetti dolorosi.  La frase che più mi ha toccato, anche per via di vicende personali, è una domanda, banale nella sua semplicità, ma davvero “brutta” per la negazione di futuro che sottende.

Come augurare buon anno a qualcuno che non lo avrà?

Non una singola frase, ma quello che del libro non mi ha convinta è lo stile, l’andamento meccanico, gli elenchi, le ripetizioni che costringono l’emotività e le fanno perdere vigore.

7. Il personaggio più riuscito

La donna brasiliana che condivide la vita con il padre dell’autore dopo il divorzio. Giralt Torrente ne fa un ritratto negativo così dettagliato da farcela odiare al primo istante. La madre. Senza dubbio. Leggera, con un tocco di frivolezza e grande umanità.

8. Il personaggio meno azzeccato

La madre dell’autore. Se ne parla spesso ma non se ne sa nulla. Un personaggio positivo ai margini. Un peccato. La donna brasiliana. Troppo il rancore e l’astio dello scrittore nei suoi confronti. Descritta solo nella sua negatività.

9 La fine è…

Inevitabilmente molto triste. Prolissa. Le uniche pagine che ho letto con piacere sono quelle della morte del padre, poi Giralt Torrente si dilunga, con il suo fare ripetitivo, oltre il momento della perdita, concentrato come è su se stesso, in un egocentrismo, per me, insopportabile.

10. A chi lo consiglieresti?

 Giuditta, abbiamo una domanda di riserva? … invece di Giralt Torrente consiglierei di leggere “Guarigione” di Cristiano De Majo, in cui l’autobiografismo assurge a esperienza universale, in cui specchiarsi e riconoscersi. Non è questo il valore di un memoir?

Se ti è piaciuto questo post, non perderti i prossimi. Clicca qui e iscriviti subito per ricevere tutti gli aggiornamenti

2 commenti

  1. Avatar
    Amisaba gennaio 02, 2015

    Siete fantastiche! Non vi è piaciuto però le risposte 7 e 8, perfettamente opposte, mi fanno pensare….
    Giuditta, spero di trovare subiro disponibile Fisica della Malinconia quando andrò oggi in libreria! ahahaha
    Auguri di Buon Anno a entrambe.

    • Avatar
      Patrizia La Daga gennaio 02, 2015

      Cara Amina, grazie delle tue belle parole! Non è la prima volta che Giuditta e io rispondiamo in modo completamente opposto, specialmente per quanto riguarda i personaggi, e questo fatto fa sempre sorridere anche noi. A me piacciono quelli ben definiti, che mi sembra di conoscere da sempre, lei invece preferisce quelli “lasciati in sordina” (parole sue). Spero che i nostri “scontri” divertano i lettori almeno quanto divertono noi.
      Grazie per seguirci sempre con così tanto affetto! Ti auguro uno splendido 2015.

Scrivi un commento

La tua mail non sarà pubblicata. I campi con * sono obbligatori*