L’assassinio di Pitagora. Marcos Chicot

L’assassinio di Pitagora. Marcos Chicot

 

logo_p&g_big

Ottobre 2014 

L’assassinio di Pitagora dello spagnolo Marcos Chicot (Salani) è un gran romanzo con una storia singolare, che lo rende ancora più speciale. Il suo autore, quarantatreenne, manager e padre di una bimba down, nel 2013 l’ha autopubblicato in formato e-book, sperando con gli incassi di garantire un futuro alla figlia. L’obiettivo è stato presto centrato poiché il libro ha dominato le classifiche di vendita di Amazon per cinque mesi, fino a quando le case editrici lo hanno scoperto. Ed è arrivato il successo internazionale che ha garantito a Chicot un posto di diritto tra gli scrittori di bestseller (oggi Chicot devolve il 10% degli incassi a enti che si occupano dei portatori di handicap). L’assassinio di Pitagora, ambientato tra Crotone e Sibari, località governate dai pitagorici nella Magna Grecia del 510 a.C. è un thriller storico affascinante, non solo per gli eccellenti personaggi e per l’esattezza delle ricostruzioni (dagli usi e costumi dell’epoca fino ai personaggi e agli avvenimenti), ma soprattutto per la trama, che parte in sordina per poi rivelarsi straordinariamente coinvolgente, grazie a un crescendo di emozionanti colpi di scena.

Patrizia&Giuditta 2VociX1Libro è una rubrica che nasce dall’incontro di due persone distanti per formazione ed esperienze di vita, ma unite da una grande passione per i libri e la letteratura. Due donne, Giuditta e io, che si sono conosciute leggendo l’una il blog dell’altra senza essersi mai incontrate di persona (ma intenzionate a farlo quanto prima), due “sentire” spesso discordanti ma sempre rispettosi e aperti al confronto. Da questa complicità è nata, tra un tweet e l’altro, l’idea della rubrica. Un luogo in cui confrontarsi su un libro diverso ogni mese in modo divertente e scanzonato, senza il rigore di una recensione, ma con l’attenzione ai dettagli. Una sorta di gioco (liberamente tratto dalle famose interviste della trasmissione “Le Iene”) che vi permetterà di conoscere nuovi romanzi e sorridere un po’.

Marcos Chicot

L’assassinio di Pitagora

9788867157372_lassassinio_di_pitagora

Salani

foto_patrizia Patrizia   twitter: @patrizialadaga giuditta Giuditta  twitter: @tempoxme_libri     www.libri.tempoxme.it
1. Dai un voto alla copertina e spiegalo
Voto: 8. Una copertina intrigante che non lascia dubbi al lettore su ciò che troverà nelle pagine del romanzo: mistero e matematica. Voto: 7. Avrei scelto una copertina più aderente con lo sfondo storico. Quella del libro invece batte strade più esoteriche. Senza dubbio è fascinosa la scelta dei colori sul fondo nero e il rosso ripreso nel lettering del titolo che fa risaltare il nome dell’autore in bianco. Copertina studiatissima, forse troppo
2. L’incipit è…
Un’introduzione semplice e allo stesso tempo ideale del personaggio di Pitagora, in cerca di un degno erede del suo pensiero.

“Tra costoro c’è il mio successore”

D’effetto. Sarà proprio il problema della successione a Pitagora nella direzione della confraternita di Crotone e di tutti i suoi satelliti a far scattare la molla degli assassinii.

3. Due aggettivi per la trama
 Articolata e cinematografica.  Portentosa ed enigmatica
4. Due aggettivi per lo stile
 Essenziale ma non banale.  Fluido e corposo
5. La frase più bella
Tutti conoscono Pitagora per il suo noto teorema. Tuttavia, la grandezza morale del pensiero pitagorico non è altrettanto conosciuta. Chicot ci parla del filosofo e del pensatore, prima ancora che del matematico:

“El sueño final de Pitágoras era un mundo en el que no hubiera diferencias de trato ni de derecho jurídicos por pertenecer a diferentes razas o naciones. Una comunidad mundial basada en los principios de hermandad, espiritualidad y justicia”.

“Il sogno finale era una società senza differenze etiche o giuridiche per le diverse razze o nazioni, una comunità mondiale basata su principi di fratellanza, spiritualità e giustizia”.

La passione e l’entusiasmo per la dottrina pitagorica e per il leggendario fondatore sono visibili e contagiosi nelle pagine. Scelgo la prima, che mette in risalto la straordinaria figura di Pitagora con semplicità e chiarezza. Parla Arianna, la seducente figlia del filosofo-matematico:

“Saggio no. Filosofo. è un termine inventato da mio padre: filosofo. Significa amante della sapienza, che si distingue dal semplice possessore della sapienza, il saggio. Filosofo è una definizione più dinamica e più umile. Implica una ricerca che non ha fine. Molto appropriata in relazione alla conoscenza”.

6. La frase più brutta

Torture e morti violente sono ricorrenti nelle pagine di Chicot. Le frasi più disgustose fanno sempre riferimento al sadismo di alcuni personaggi. Ne cito una tra le tante, che in spagnolo, peraltro, forse risulta ancora più agghiacciante rispetto alla versione italiana di Andrea Carlo Cappi:

Boreas dio un segundo apretón y la cabeza inerte de Tésalo vomitó una pasta sanguinolenta encima de Yaco. El gigante abrió los brazos y el cadaver de Tésalo se desplomó sobre su jovencísimo amante”.

“Boreas diede un’altra stretta e dalla bocca di tesalo fuoriuscì un fluido sanguinolento che colò sopra Yaco. Il gigante aprì quindi le braccia, lasciando che il cadavere crollasse addosso al giovinetto.

Non mancano le parti orripilanti nel romanzo. Tortura, stupro, riti cruenti come l’uccisione di cinquanta neonati a Cartagine per placare il dio Moloch. C’è un certo compiacimento dell’autore nel descriverle e di alcune, in tutta onestà, avrei fatto volentieri a meno.La prima terribile scena a cui assistiamo inermi e basiti è il crudele spettacolo della punizione dello schiavo fedifrago e del suo amante, ordinata dal ricco commerciante Glauco al terribile gigante Boreas:

“Poi gli avvicinò al viso la punta del ferro incandescente e diede un tocco rapido allo zigomo, appena sotto l’occhio. Lo sfrigolio della carne fu subito coperto dall’urlo di Yaco”.


E vi assicuro che sono stata clemente nella scelta!

7. Il personaggio più riuscito
Akenon. L’egizio ingaggiato dalla comunità dei Pitagorici, per indagare sugli inquietanti omicidi che la affliggono, è l’eroe perfetto: forte e coraggioso e allo stesso tempo capace di valori e sentimenti. Sono incerta tra Pitagora, ricostruito con grande attenzione ai dettagli, Akenon, il coraggioso investigatore egiziano che mosta debolezze e fragilità, e Arianna, la figlia prediletta di Pitagora, tormentata e brillante. Ma in tempi di quote rosa, se proprio dovessi votare, non potrei sottrarmi al fascino complesso di questa figura femminile:

Arianna invece continuava a rappresentare un’incognita. Con lei c’era sempre la stimolante emozione dell’inaspettato.

8. Il personaggio meno azzeccato
I personaggi del romanzo sono quasi tutti realmente esistiti, come spiega l’autore nella parte finale del libro. Il meno credibile è forse Boreas, un gigante sadico e malvagio all’inverosimile. Troppi muscoli e troppa cattiveria, ma all’interno della storia il suo ruolo resta ineccepibile. Le figure negative o malvagie hanno, a mio avviso, i tratti troppo marcati che tendono al grottesco. Eccessivo Boreas, diabolico e “milleriano” l’uomo incappucciato, scontato Cilone.

9 La fine è…
Da leggere. Ogni commento rischia di svelare dettagli essenziali.  Hollywoodiana … e altro non vi dico.
10. A chi lo consiglieresti?
A chi apprezza il romanzo storico e non teme pagine dense di orrore e violenza, ma soprattutto a chi cerca una storia in cui entrare a poco a poco, senza fretta. Le 720 pagine del libro (alcune forse di troppo) permettono al lettore di vivere la storia con intensità crescente fino ad appassionarsi e desiderare di conoscere al più presto la verità. Ce n’è per tutti i gusti: accurata ambientazione storica, dettagliato approfondimento filosofico, fascinosa trattazione matematica, il tutto condito dagli elementi tipici di un buon thriller, che tiene in tutte le sue parte, senza dimenticare un pizzico di romanticismo per insaporire la trama. A chi ama le letture forti, che fagocitano nel loro mondo.

Se ti è piaciuto questo post, non perderti i prossimi. Clicca qui e iscriviti subito per ricevere tutti gli aggiornamenti

Scrivi un commento

La tua mail non sarà pubblicata. I campi con * sono obbligatori*