Fenomeno Violetta. Perché piace alle bambine (e a tante mamme).

Fenomeno Violetta. Perché piace alle bambine (e a tante mamme).
IMG_9094

Martina (Tini) Stoessel alias Violetta nel backstage del concerto del 10 gennaio 2015 a Barcellona

Sono una mamma della generazione Violetta.

Ho una figlia “V-lover” che ha da poco compiuto dieci anni e con lei ho visto quasi tutti gli episodi della ormai stranota telenovela argentina prodotta dalla Disney, ho assistito a due concerti a Barcellona (in anni diversi s’intende) e la mia casa è invasa di borse, poster, quaderni, astucci e ogni altro tipo di merchandising con il volto di Martina Stoessel, (l’attrice che interpreta Violetta).

violetta concerto 4Ah, dimenticavo, conosco anche tutte le canzoni e ogni tanto mi capita di cantarle a squarciagola con la mia bimba, che si chiama Martina ed è felice di avere il nome in comune con la giovane star sudamericana, che tornerà in Tv con nuove puntate della serie a partire dal 20 di febbraio.

Martina (Tini per gli amici e negli autografi) Stoessel in questi giorni è impegnata a girare l’Italia con il suo Live International Tour 2015 che la vedrà esibirsi sui palcoscenici di numerose città insieme al cast di Violetta, iniziando dal Pala Alpitour di Torino per poi trasferirsi al Mediolanum Forum di Milano e passare per Bologna, Firenze, Roma fino a concludere in bellezza l’11 settembre all’arena di Verona.

Come è già accaduto in Spagna, ogni esibizione registrerà il tutto esaurito, anche perché lo show non ha nulla da invidiare alle produzioni dei grandi artisti del panorama musicale internazionale. Scenografie, luci, costumi, ritmo e coreografie sono di prim’ordine e nessuno esce deluso dalle due ore di concerto che vede protagonisti assoluti Martina Stoessel e Jorge Blanco, l’attore messicano che interpreta León, il grande amore di Violetta nella telenovela.

Violetta e León concerto

Martina Stoessel con l’attore messicano Jorge Blanco che interpreta la parte di León (grande amore di Violetta nella telenovela) in un momento del Live Tour 2015

Chi non ha figlie in target mi domanda spesso perché Violetta piace così tanto. I più critici accusano la serie di essere scontata e ripetitiva e di avere personaggi zuccherosi e da fumetto. Tutto vero. Eppure piace. Nessun segreto, soltanto bisogno di spensieratezza, ottimismo, bei sogni, sani valori e tanta musica orecchiabile.

Le madri della mia generazione a dieci anni guardavano Lady Oscar, Candy Candy o Goldrake (e baciavano il poster di Actarus). Desiderio di giustizia, passioni, amori e soprattutto certezza del bene che vince contro il male erano le colonne portanti di quei cartoni animati che tanto ci appassionavano. In Violetta gli ingredienti ci sono tutti, con l’aggiunta di musica, sogni di gloria e risate. Tanto semplice da risultare banale. Ma chi ha detto che tutto nella vita per valere qualcosa debba essere contorto?

Violetta 2

Martina Stoessel scatenatissima sul palco del Palau Sant Jordi di Barcellona durante il Live International Tour 2015, lo scorso 10 gennaio.

Per i pochi che ancora non lo sanno, Violetta è una ragazzina orfana di madre con un grande talento per il canto e il ballo e con un padre che la adora ma che la vorrebbe sempre bambina e diventa spesso ossessivo nei suoi confronti.

Nelle aule dello studio On Beat, una scuola di Buenos Aires che prepara i ragazzi al mondo dello spettacolo, dove si svolge la maggior parte dell’azione, tra i protagonisti nascono i primi amori, le amicizie, le rivalità artistiche, le gelosie.

In questa palestra di vita abbondano i personaggi meschini, che sembrano sempre sul punto di rovinare tutti i sogni di chi, come Violetta, è animato da determinazione, voglia di fare e buoni sentimenti. Ma come in ogni fiaba che si rispetti, dopo tante peripezie, i cattivi vengono sempre scoperti e castigati.

La vita vera non è così, dicono i detrattori. No, appunto, rispondiamo noi mamme che abbiamo già preso un po’ di botte dall’esistenza, per questo amiamo Violetta. Perché ci rilassa, ci distrae dallo stress quotidiano e ci illude che le nostre figlie abbiano davanti un futuro roseo come quello della bella cantante argentina.

concerto Violetta 1Altra critica frequente: sognare di diventare una star è il sintomo di una società bacata e superficiale, perciò Violetta non è educativa. Francamente credo che diseducativo sia l’atteggiamento di molti genitori che poco si curano dei propri figli e li lasciano liberi di navigare tutto il giorno nell’affollato mare di Internet, dove non sempre si fanno incontri salutari. Figli che non hanno modo di generare sogni per il loro futuro perché non vedono libri entrare in casa, non hanno mai commentato una notizia del Tg con i genitori, bambini la cui unica realtà è quella delle chat o dei videogiochi.

Nella telenovela argentina il successo non è mai gratis e soprattutto non è mai a tutti i costi. In Violetta lo studio, la costanza negli allenamenti, la creatività individuale e di gruppo sono valori reiterati. E la solidarietà è sempre premiata.

Una bambina che legge, fa sport, è seguita dai genitori e ha curiosità per la vita, perché a dieci o dodici anni non dovrebbe sognare di diventare un giorno una grande cantante, ballerina o attrice? Probabilmente una su un milione lo farà realmente, perché crescendo si cambia, si scoprono attitudini e passioni e si impara che il successo passa prima dalla realizzazione personale che dagli applausi.

Il mio consiglio alle mamme troppo occupate in “cose ben più importanti” è di provare a guardare Violetta, almeno ogni tanto, con le loro bambine e di ridere con loro. Quelle puntate colorate e allegre creeranno una complicità difficile da replicare quando si è adulti. Quelle puntate, senza peso, eppure così piene d’energia, sono sicura, resteranno nello scrigno dei ricordi per tutta la vita. Anche perché il 27 marzo verrà trasmessa l’ultima puntata, per raggiunti limiti d’età della protagonista, e la serie entrerà negli archivi della Tv.

Semplicemente Tini

Il fenomeno Violetta è diventato una vera e propria macchina da business. Martina Stoessel a soli diciassette anni ha già nelle librerie internazionali un’autobiografia colorata, piena di immagini e di curiosità dal titolo Semplicemente Tini. Vi racconto la storia della mia vita pubblicata da Salani alla fine del 2014 (198 pag. – 15,90€).

Se le vostre bambine non leggono, questo è di certo un buon modo per far tenere loro un libro in mano. Non sarà Il piccolo principe, ma da qualche parte bisogna pur cominciare.

 

 

Se ti è piaciuto questo post, non perderti i prossimi. Clicca qui e iscriviti subito per ricevere tutti gli aggiornamenti

2 commenti

  1. Avatar
    Dalila aprile 29, 2015

    Ci sono dei punti che fanno sembrare la serie per niente realistica . 1esempio ci pensavo da un pó e poi ho pensato in violetta non ci sono le scuole io con scuole intendo quei posti dove si studia la matematica, letteratura le lingue ecc… Non dove si canta e balla tutto il giorno . Calcolando il fatto che i personaggi vengono spesso descritti come adolescenti non potranno avere più di 16 -17 anni … Spesso vengono fatti riferimenti all’università come nel caso di clemont ma dove sono queste università ?? Lo studio on beat può essere identificato come un liceo coreutico ma nel liceo coreutico si fanno anche le altre materie … 2 punto non mi piace il fatto che si dia così tanta importanza all’aspetto fisico in 3 stagioni non ho mai visto ne un ragazzo ne una ragazza in carne mai uno brutto o brutta le ragazze sono tutte alte e magre supereranno tutte il metro e sessanta i ragazzi bellocci che sembrano un misto tra il ken della barbie e gli One direction argentini 3 punto nessuno sgarro in violetta … Insomma questo punto potrà anche sembrarvi strano ma non è cosi … Sono tutti perfetti gli adolescenti che popolano lo schermo di violetta … Ma gli adolescenti non sono così … 4 punto nessun colpo di scena ho sempre amato le serie tv con colpi di scena dove ci scappa il morto ad esempio … I momenti che ti lasciano con l’ansia Bhe in violetta non c’è ne sono … 5 punto ma a buenos aires fa sempre caldo ??? No perché mi ci trasferisco subito … Sempre smanicati con gonnelline e maglie a maniche corte … Mai giacconi e maglie di lana , cappelli e sciarpe …

    • Avatar
      Patrizia La Daga aprile 29, 2015

      Delle favole ci piace la morale. Mai visto un lupo ingoiare una bambina e una nonna e poi risputarle intere, vive e vegete. Però a Cappuccetto rosso succede…

Scrivi un commento

La tua mail non sarà pubblicata. I campi con * sono obbligatori*