“Camminerai con il sole” di Alfonso Mateo-Sagasta

“Camminerai con il sole” di Alfonso Mateo-Sagasta

Camminerai con il sole dello spagnolo Alfonso Mateo-Sagasta, pubblicato in Italia da Guanda, è il suggestivo titolo di un romanzo che il noto scrittore Luis Sepúlveda ha recensito così: “Forse il più bel libro di uno scrittore di lingua spagnola che abbia letto negli ultimi anni”.

A cosa si deve tanta magnificenza? Soprattutto all’originalità. Camminerai con il sole, infatti è un romanzo insolito, istruttivo e appassionante, una lettura ideale per chi ama le civiltà antiche.

Ambientato nella penisola dello Yucatán nei primi anni del 1500, quando i conquistadores spagnoli sbarcavano sulle coste caraibiche per assoggettare le popolazioni locali e ridurle in schiavitù, in nome di un Dio a loro sconosciuto, Camminerai con il sole racconta in modo minuzioso la vita del popolo Maya attraverso un personaggio singolare e indimenticabile: Gonzalo Guerrero.

CAMINARAS CON EL SOL

CAMINARAS CON EL SOL

Gonzalo è un soldato al servizio della regina che un giorno, con altri compagni di viaggio, naufraga a sud della Giamaica e approda sulle coste di una terra a lui ignota, dove viene fatto prigioniero da una tribù indigena dai riti sanguinari: i Maya.

Dapprima terrorizzato e poi affascinato dal popolo che lo ha reso schiavo, poco a poco ne diverrà parte, dimenticando usi e costumi occidentali e schierandosi con la sua nuova gente contro i conquistadores per i quali è considerato un traditore da punire con la morte.

Camminerai con il sole è un racconto che coinvolge gradualmente il lettore, specie se questo ha avuto modo di visitare almeno una volta i luoghi in cui visse il popolo Maya. Mateo-Sagasta cita molti dei siti archeologici oggi cari ai turisti: Chichén Itzá, Cozumel con le loro affascinanti piramidi e i cenotes, misteriosi laghi sotterranei in cui ancora oggi ci si può bagnare e che all’epoca Maya venivano usati come luoghi di sacrificio per propiziarsi gli dei.

In Camminerai con il sole usi e costumi delle popolazioni locali, per noi spesso macabri e truculenti, vengono narrati con dovizia di particolari e il ricorso frequente alla terminologia maya, che talvolta rallenta la lettura, non impedisce al lettore di apprezzare la storia e di trovarla avvincente.

Nel romanzo, che omaggia il mito del buon selvaggio, dietro alle maschere dei guerrieri, ai sacrifici umani, alle battaglie e alle innumerevoli torture, trovano spazio anche i sentimenti.

Camminerai con il sole è un romanzo originale, sia per il tema poco frequente in letteratura che per la voce narrante che, per una volta, guarda il mondo con gli occhi di chi non ha certezze e riesce a trovare bellezza, solidarietà e amicizia anche in chi è molto diverso da lui.

Se ti è piaciuto questo post, non perderti i prossimi. Clicca qui e iscriviti subito per ricevere tutti gli aggiornamenti

3 commenti

  1. Avatar
    Anita luglio 28, 2016

    Ciao Patty,…
    Romanzo affascinante che ti prende dalla prima all ultima riga,..divorato ..
    apre la mente e soprattutto e’ storia di un uomo che sceglie di essere libero…
    buona giornata.
    Ani

  2. Avatar
    Gennaro dicembre 20, 2016

    Meraviglioso, ricco di spunti per farci riflettere su come a volte la capacità di stare dall’altra parte della barricata ci aiuterebbe meglio a capire l’uomo e quindi noi stessi. Melanconico e allo stesso tempo vivo.
    Gennaro

Scrivi un commento

La tua mail non sarà pubblicata. I campi con * sono obbligatori*