Natale. Decorazioni, poesia ed emozioni.

Natale. Decorazioni, poesia ed emozioni.

Quando si avvicinano i giorni di festa c’è sempre qualcuno che si lamenta. C’è chi detesta il Natale perché è diventata una festa “commerciale”, perché i prezzi di ogni cosa raddoppiano, perché in città si crea il caos, perché luminarie e decorazioni sono kitsch, perché bisogna fare i regali, perché le riunioni di famiglia sono noiose, perché si mangia troppo, perché… Potrei andare avanti quasi all’infinito.

Io, invece, sono ancora di quelle che questi giorni di festa, li ama. E non per questioni religiose, che non mi appartengono. Ma soltanto perché li trovo giorni diversi da quelli che viviamo tutto l’anno. Diversi e insieme ricchi di tradizione, di ricordi d’infanzia, di sapori antichi. Momenti lenti in un mondo che corre impazzito.

Ogni pacchetto che faccio per un parente o un amico è un piccolo rito che mi rende felice, ogni pallina che depongo sull’albero insieme ai miei figli è un gesto che rimane nella loro memoria, come a me è rimasto quello che facevo con i miei genitori, ogni fetta di pandoro che appesantisce la mia figura (e che dopo cercherò di smaltire con ore di sport), è un premio che addolcisce i veleni amari dell’esistenza ma, soprattutto, ogni ora che trascorro con i miei cari è un lusso inestimabile, perché so che non potrà essere per sempre.

Spesso il tempo frantuma le illusioni, la vita ci delude, le persone che amiamo ci fanno del male o ci abbandonano, ma il Natale resta lì con i suoi luccichii intermittenti, con le sue musiche dolci, con le sue promesse di felicità.

Ho amato il Natale negli anni prosperi e allegri e in quelli più duri e tristi e il mio augurio è che tutti possano provare le stesse, infantili, emozioni, davanti a un presepe o a un abete decorato a festa. Perché forse, sotto l’albero, c’è ancora posto per una bella sorpresa.

Brindo con voi.

Se ti è piaciuto questo post, non perderti i prossimi. Clicca qui e iscriviti subito per ricevere tutti gli aggiornamenti

1 commento

  1. Avatar
    Eva dicembre 21, 2015

    Bonita reflexión, querida hermanita. Siempre nos queda La Navidad para entender las cosas buenas que a veces no vemos o para olvidar las malas que sufrimos. En cualquier caso mientras existan momentos especiales, recuerdos, amistad, cariño y emociones significa que “latimos” y de eso se trata, que el corazón nunca se detenga mientras estemos vivos. Un beso fuerte para mi escritora favorita, con el deseo que bajo el árbol encuentres bonitas sorpresas.

Scrivi un commento

La tua mail non sarà pubblicata. I campi con * sono obbligatori*